E’ in arrivo dagli USA il pannello solare che risana le acque domestiche attraverso una micro-ottica.

Il problema ambientale diffuso in quasi tutto il mondo è la scarsità d’acqua. L’architetto M. Paz Gutierrez sta conducendo un lavoro a Berkeley, presso l’Università della California, per tentare di risolvere questo problema.  La ricerca e il lavoro che l’architetto Gutierrez sta portando avanti, dimostrano come il campo dell’edilizia sia in piena trasformazione.

La Gutierrez è affiancata dall’ingnegnere ambientale Slav Hermanowicz e dal bioingegnere Luke Lee, ed è attraverso l’insieme di queste discipline che si tenterà di sconvolgere le modalità di riciclo dell’ acqua.

Questo è il futuro dei sistemi di edilizia sostenibile: processi di ottimizzazione sinergici che rappresentano una soluzione doppiamente vincente dalla scala locale a quella globale”, spiega Gutierrez. “Ci sono vantaggi per l’utente finale perché sta utilizzando meno acqua e meno energia, per la comunità perché in questo modo ha meno minori volumi di reflui da trattare, per l’ambiente perché non evitiamo l’introduzione di nuovi contaminanti. Questa è la differenza fondamentale tra questo progetto e altri sistemi edilizi.

 A sostegno del progetto è intervenuta la National Science Foundation (NSF), grazie alla quale il team è riuscito a realizzare un pannello solare termico capace di risanare le acque domestiche provenienti da docce, lavandini e lavatrici. Non si tratterà ovviamente di acque potabili,  ma riutilizzabili negli scarichi dei servizi igienici, o per l’irrigazione di giardini.

Il punto centrale dell’invenzione è l’impiego dei pannelli solari, sarà infatti possibile rigenerare le acqua attraverso una micro-ottica integrabile all’interno delle pareti dell’edificio, il tutto avverrà attraverso il solo utilizzo della luce naturale.  La tecnologia è in fase di costruzione, ed entrerà sul mercato ad un prezzo conveniente entro il 2020.

Fonte: http://www.rinnovabili.it/innovazione/pannello-solare-ricicla-acque-grigie-666/